mercoledì 21 maggio 2014

Muro fiorito


Pieno sole e la poca acqua piovana dei mesi estivi.
Non serve altro a queste piccole piantine dalle sgargianti margherite fucsia. Sono l’emblema dell’indipendenza: meglio dimenticarsi di loro che assillarle con troppe cure.
Scordatevi pure di comprare concimi e fertilizzanti e partite tranquilli per le vacanze, al vostro ritorno non vi deluderanno, le ritroverete verdi e fiorite come alla vostra partenza.

Il loro nome scientifico è Delosperma cooperi, hanno foglie carnose e un portamento strisciante che tiene lontane le erbe infestanti, fioriscono ininterrottamente per tutta l’estate e sono perfette per tappezzare scarpate e aiuole assolate e, perché no, per creare una cascata di fiori su davanzali e balconi.




In giardino
Chi abita in collina e ha un giardino disposto su più livelli, lo sa bene: spesso è necessario costruire muri e staccionate di contenimento per evitare piccole frane e smottamenti e non sempre è facile ottenere un risultato che unisca funzionalità ed estetica. Le soluzioni sono tante: dai più scenografici e costosi muretti in pietra, alle più semplici palizzate in legno, ai decisamente “bruttini” blocchi in cemento.
Una buona idea per mascherare la struttura di contenimento e tenere a bada le erbe infestanti è sistemare qua e là delle piantine di Delosperma cooperi che in poco tempo ricopriranno tutta la superficie con una cascata di fiori…
Ecco il muro del mio giardino dopo un paio di anni dall’impianto!


Sul davanzale e sul balcone
Nella fioriera rettangolare da sistemare sul balcone o sul davanzale della finestra esposta a sud, si possono invece abbinare Delosperma cooperi e Portulaca oleracea per un azzardato e vivace accostamento fucsia e rosso.


Botanica in pillole
Delosperma cooperi: originaria del Sud Africa, è una pianta grassa perenne a portamento tappezzante; le foglie sono carnose, tubolari di colore verde scuro; i fiori, simili a margherite, hanno petali molto sottili di colore fucsia (gialli, arancioni, rosa, rossi, viola nelle cultivar); predilige un terreno povero e ben drenato e un’esposizione in pieno sole; non teme l’inverno e sopporta temperature che scendono fino a -10°C; la moltiplicazione avviene per talea.

2 commenti:

  1. Salve a tutti,
    sto cercando di far ampliare un tappeto di delosperma nella mia aiuola, tuttavia è comparsa una notevole quantità di acetosalla, che sta creando molti problemi ed è praticamente impossibile da sradicare perchè ormai troppo diffusa. Come posso risolvere? Esiste un diserbante selettivo che colpisca l'acetosella senza danneggiare la delosperma?
    Grazie anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve Luca,
      personalmente evito l'impiego di diserbanti e concimi chimici nel mio giardino. Le consiglio di fare una ricerca online o di rivolgersi a qualche garden center specializzato. Ma prima di un intervento "chimico" perché non insiste con il diserbo manuale? A fine estate potrebbe rimuovere delicatamente le piantine di delosperma, smuovere e diserbare a fondo il terreno e rimetterle a dimora. Si ricordi inoltre di strappare le "erbacce" prima della fioritura, per evitare la diffusione dei semi.
      Buon gardening!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...