lunedì 29 settembre 2014

"Non solo Aster" a L'Erbaio della Gorra





Tre giorni di apertura straordinaria al vivaio L’Erbaio della Gorra (Casalborgone, Torino), per ammirare la spettacolare fioritura della collezione di Aster, accanto a graminacee e sedum.


All’evento, “Non solo Aster”, hanno partecipato anche i vivai La Montà, Vivai Giani e Vivalpi con rampicanti, dalie, ellebori, rose.




Io ci sono stata!

E tu, di che Aster sei?

Aster 'Pink Button'

Aster 'Little Carlow'

Aster 'Snow Flurry'

Aster 'Double Montecassino'

Aster 'Denise'


Foto Ultimissime dall'orto

venerdì 26 settembre 2014

Su PASSI in FLORA l'arbusto dalle bacche "di gomma"


Symphoricarpos albus. Ha un nome quasi impossibile da ricordare questo leggero e ondeggiante arbusto di origine americana dalle bacche bianche e gommose. Spicca per il suo temperamento socievole, indipendente e temerario: cresce vigoroso insieme agli altri abitanti del giardino, in pieno sole, come in ombra fitta, in qualsiasi tipo di terreno e non teme il gelo.

Discreta e riservata in primavera, a fine estate le sue bacche candide e velenosissime attirano sguardi curiosi e qualche pizzicotto. I nomi comuni più diffusi sono simporicarpo o sinforina, ma il più azzeccato è l’inglese snowberry, per via delle sue bacche candide che, se aperte, appaiono composte come da tanti granelli di neve.


I suoi frutti, considerati tossici per l’uomo, sono una ghiottoneria per cince, pettirossi, passeri, verdoni, fringuelli e piccoli animali selvatici che in inverno faticano a trovare il cibo. Chi ha la fortuna di possedere un piccolo giardino può creare una siepe mista, con sinforine, cotonaster, agrifoglio, rosa canina, euonimi, corbezzoli e biancospini, profumata in primavera e adornata di bacche colorate e “golose” in inverno.

In vaso, l’arbusto dalle bacche “di gomma” si trasforma in una siepe leggera per concedere un po’ di privacy a balconi e terrazzi.


Il Symphoricarpos albus è un arbusto deciduo della famiglia delle Caprifoliaceae cui appartengono una quindicina di specie originarie dell'America settentrionale. Le foglie sono allungate. I fiori minuti, a campanella, di color rosa chiaro. Il fusto sottile, leggero e ondeggiante, si incurva sotto il peso delle bacche bianche, sferiche, gommose, velenosissime, raccolte in grappoli apicali, compaiono in estate e persistono tutto l'inverno. 

Si moltiplica per distacco dei polloni radicali in autunno e primavera.

mercoledì 17 settembre 2014

Lantana, l'erbaccia americana che piace · come e perché coltivarle


Nell’America centrale, sua terra di origine, è considerata una “piantaccia” infestante. Alle nostre latitudini è stata invece riscoperta grazie alla facilità di coltivazione, alla resistenza ai parassiti e alla vivace e continua fioritura anche nelle settimane più torride.

La Lantana camara è un arbusto spogliante appartenente alla famiglia delle Verbenaceae, perfetto per giardini e balconi assolati

Predilige un clima mite e per questo va ritirato in una veranda o in un garage luminoso nei mesi invernali, oppure coperto con un telo di tessuto-non tessuto. Molto resistente e facile da coltivare, richiede frequenti annaffiature da giugno a settembre in cambio di una generosa fioritura che si protrae fino a novembre.


La lantana ha foglie rugose di un bel verde intenso, i fiori, raccolti in infiorescenze tonde, variano dal bianco al giallo, al rosa al rosso e spesso uno stesso fiore racchiude più sfumature: rosa o rossi appena sbocciati per poi virare fino al giallo prima di appassire, caratteristica che ha decretato la fortuna di molte varietà. Ai fiori si sostituiscono decorative bacche bluastre.

Le lantane possono essere seminate, oppure moltiplicate più facilmente per talea semilegnosa in primavera, quando solitamente è necessario intervenire con una potatura di contenimento. Ogni talea deve avere due coppie di gemme, una all’apice e una alla base al di sotto della quale il taglio deve essere obliquo. Si immerge la base della talea prima in acqua e poi nella polvere radicante, si pianta in una cassetta riempita con terriccio ricco di torba e si annaffia regolarmente. Dopo un paio di mesi le piantine andranno trapiantate in vasetti singoli.


Chi desidera dare un tocco di colore al balcone o al terrazzo può scegliere la specie L. sellowiana, caratterizzata da rami morbidi e leggeri dal portamento ricadente che possono raggiungere il metro. I fiori si trovano in tre colori puri: lilla, giallo e bianco mentre le foglie, più piccole della specie L. camara, sono di color verde scuro, simili a quelle della menta e leggermente aromatiche. 

lunedì 1 settembre 2014

Giardini d'ombra


Voglia di… shady garden!

Freschi e lussureggianti i giardini d’ombra, meglio di altri, danno al verde di casa un’atmosfera di evasione, di vacanza esotica, senza valigie, biglietti e check-in. Con la fine dell’estate i giardinieri sanno che arriva il momento di fare nuovi progetti e mettere a dimora nuove piantine e allora perché non avvantaggiarsi sulla prossima stagione e iniziare a delineare un angolo di verde selvaggio?

Tra le piante più utilizzate e facili da coltivare:
hosta
polmonaria
heucera
hakonechloa

E per segnalare l’arrivo della primavera:
bucaneve
primule
mughetti