mercoledì 29 luglio 2015

Preparativi per una cena in bianco




Ecco com’è andata la mia prima cena in bianco.


Sabato scorso, il piccolo comune astigiano di Castelnuovo Don Bosco, ha proposto, per il secondo anno consecutivo, l’originale serata in bianco, così come accade a Torino e in altre grandi città.


La cena in bianco funziona come un picnic in città, dove tavoli e sedie sostituiscono tovaglie e coperte a quadretti e le parole d’ordine sono eleganza ed ecologia.


La regola a cui tutti devono attenersi è il colore: gli allestimenti, i cibi serviti e gli abiti dei commensali devono essere rigorosamente bianchi. I partecipanti devono portarsi da casa tavoli, sedie, tovaglie, stoviglie (evitando possibilmente quelle usa e getta), fiori, candele, calici, posate e, naturalmente, i sacchetti dell’immondizia, per restituire le vie e le piazze che hanno ospitato l’evento pulite e ordinate.


La nostra tavola l’abbiamo addobbata così





Bottiglie porta-candele riempite con sale grosso e fermate da un nastro di tulle, infiorescenze di ortensie nelle coppette da gelato come segna-posto e foglie di fico appoggiate sui piatti per la tavola dei “grandi”




Vasi con acqua e latte per le ortensie, candele galleggianti e piatti di plastica colorata per la tavola dei “piccoli”.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...