mercoledì 23 dicembre 2015

Come far sopravvivere l'abete al Natale


Come resistere al profumo e all’atmosfera che solo un abete “vero” può regalare? Semplice, non si può.
Ecco allora qualche semplice consiglio per farlo arrivare sano e salvo all’Epifania.

Acquistate un albero di cui sia indicato il vivaio di provenienza. Un vivaio che coltiva e vende abeti tutto l’anno, non solo per il periodo natalizio, ma anche e soprattutto per l’allestimento di parchi e giardini, vi darà la garanzia di una pianta sana, con tutte le carte in regola per vivere a lungo.

In casa, l’albero di Natale andrà sistemato lontano da caminetti e caloriferi. Al termine delle feste spostatelo in giardino, sul terrazzo o in una veranda luminosa e non riscaldata, scegliendo una posizione soleggiata e al riparo da correnti fredde: lo abituerete così gradatamente al cambio di temperatura.

Sia nelle settimane in cui l’abete resterà dentro casa, sia quando lo avrete spostato all’esterno, annaffiatelo regolarmente per mantenere il terreno all’interno del vaso sempre fresco.

Ad aprile l’abete andrà travasato in un vaso appena più grande, in attesa del Natale successivo, oppure trasferito in piena terra, in posizione soleggiata.

Se sarete fortunati, il vostro abete vivrà a lungo, superando facilmente i 30 metri di altezza, quindi, oltre a rispettare le norme sulle distanza minime da strade e proprietà confinanti, evitate di piantarlo vicino ad altri alberi o troppo a ridosso della casa: non sarete così tentati dall'intraprendere improbabili potature che comprometterebbero irrimediabilmente la salute dell'albero rendendolo instabile e insicuro.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...