giovedì 14 gennaio 2016

Surrealismo botanico. Tra erbario e collage, l'arte di MF Cardamone





Illustrazioni botaniche del XVIII e XIX secolo si mescolano a figure, pesci, animali, oggetti e carte geografiche rimandando all’umorismo stravagante del Dada e all’associazione di parole e immagini dei college surrealisti.




L’autrice di queste insolite tavole, tra erbario, narrazione e opera d’arte è l’americana Mary Fran Cardamone o più semplicemente MF Cardamone.

Con numerose collezioni all’attivo, MF Cardamone costruisce narrazioni visive complesse che, partendo dall’associazione di forme e colori (come nel caso della foglia di Coccoloba – genere di piante originarie dell’America tropicale – simile a una conchiglia), svelano origini (il mais e la Poinsetta – la Stella di Natale - originarie del Messico), storia, scienza, mitologia, ed epoche di maggiore successo e diffusione della pianta protagonista della tavola (come nel caso della viola del pensiero rappresentata con una calzatura ottocentesca, epoca di suo maggior successo).




Un lavoro che mescola i tanti interessi dell’artista, da sempre affascinata dagli erbari medievali, dal folklore, dall’ecologia, dalla medicina tradizionale cinese e dalla pop art, ad altrettante tecniche: collage, fotografia digitale, gouache, acrilico, e penna a inchiostro. «Mi piace creare puzzle visivi capaci di evocare un senso di mistero e meraviglia nello spettatore, perché questo è il mio modo di sentire sul mondo naturale: sono in soggezione davanti al suo potere, capace di sostenerci e guarirci, e alla sua bellezza».

«Molte delle mie opere – prosegue MF Cardamone - sono state create su invito e in collaborazione con giardini botanici e organizzazioni ambientali, all’interno dei quali mi piace “viaggiare” e documentare le mie personali scoperte siano esse sulle piante e sulle arti popolari a esse legate».

Credits

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...