martedì 8 marzo 2016

A Casa Azul il giardino di Frida Kahlo


A Casa Azul il giardino di Frida Kahlo svela la sua profonda ammirazione per la bellezza e la varietà del mondo naturale, spesso ritratto nelle sue tele.

Costretta per lunghi periodi a letto a seguito di un tragico incedente, Frida Kahlo trova nella casa d’infanzia e nel suo giardino l'universo creativo dove infonde e trae ispirazione al tempo stesso.

Come dimostrano gli scatti in bianco e nero della francese Gisèle Freund, divenuta amica della Kahlo e vissuta per qualche tempo nella Casa Blu di Coyoacán, antico sobborgo di Città del Messico. Centinaia di fotografie, recentemente pubblicate da Abrams Books, ritraggono la pittrice davanti al cavalletto o tra le piante del suo giardino.

Un mondo fatto di una lussureggiante vegetazione endemica, statue precolombiane e gli animali domestici di Frida: scimmiette, cani e pappagalli, protagonisti di alcuni suoi dipinti.





Dal 1958, quattro anni dopo la scomparsa della pittrice, Casa Azul, con le sue stanze all’aperto, le pareti blu, gli oggetti della tradizione flokloristica messicana, le cactacee e le collezioni di vasi di terracotta, fa da cornice al museo dedicato alla vita artistica e privata della Kahlo.

Donato al “popolo messicano” da Diego Rivera, il museo di Casa Azul raccoglie anche alcune delle sue opere.





Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...