martedì 30 agosto 2016

Dalle miniere di Saint Marcel al Lago di Layet


Di ritorno dal viaggio in Euskadi Cantabria e Asturie, sono partita ancora, ma per una vacanza completamente diversa in cui ho respirato a pieni polmoni l’aria di casa, tra ricordi d’infanzia, prove di avventura e pezzetti di storia restituiti alla comunità grazie a nuovi percorsi di visita.

Ho trovato la nostra pergola d’uva un po’ selvaggia, ma carica di grappoli (grazie Danilo, che continui a prendertene cura al posto di ci non c’è più!), e una nuova casetta del latte vicino al parco giochi, dove tutte le mattine un allevatore locale fa il pieno di “oro bianco” appena munto… buonissimo!!! E la storica locanda del diavolo, tra i pascoli dell’ultima frazione, spostata di ben due numeri civici.

 
Ma la vera sferzata di novità è arrivata in cima alla montagna che sovrasta il paese con l’inaugurazione di un percorso di visita alle storiche miniere di ferro di Saint Marcel: un sito unico nel suo genere che finalmente si è deciso di valorizzare. Se passate di lì, andate a ficcanasare, e poi, già che ci siete, proseguite fino al Lago di Layet, a quota 2229 m.slm. Seguendo la poderale che costeggia il sito minerario, in due ore di cammino tra malghe, pascoli e scorpacciate di lamponi si arriva al lago di acqua verde, di fiori, di pesci e di conchiglie.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...