sabato 27 agosto 2016

Picos de Europa - escursione al rifugio Vega de Ario



La seconda tappa del viaggio in Euskadi, Cantabria e Asturie mi ha portata alla mia prima notte in rifugio. Una mia idea, di cui mi sono nell’ordine: esaltata (mentre ci arrampicavamo con l’auto tra i pascoli della valle di Covedonga), pentita (dopo la spiazzante scoperta di un rifugio senz’acqua), congratulata (ripensando al tramonto visto da lassù e al romanticismo del cielo stellato interrotto dal respiro pesante di una mucca curiosa). 



Partiamo avvolti dalla nebbia alle cinque e mezza di pomeriggio dai laghi di Covedonga. Arriviamo che un po’ già ci davano per spersi. La doccia è una sfida. La cena di Pedro mi conforta. Ci arrampichiamo ancora, sopra le nuvole, più in alto del sole, l’oceano all’orizzonte. La notte affollata. 
 


La mattina scendiamo finalmente col sole e penso seriamente che la montagna la guarderò solo più in cartolina. Ma poi arriviamo a Oviedo, mi riapproprio della mia pelle e cambio idea. 




Come arrivare
 
Seguite le indicazioni per Covadonga, celebre per il santuario e l’omonima basilica. Qui potrete proseguire per Los Lagos de Covedonga con il bus-navetta oppure con la vostra auto esibendo la prenotazione del notte in rifugio. Arrivati a quota 1000 m.slm, dopo circa dieci chilometri, lasciate l’auto è imboccate il sentiero contrassegnato dai colori bianco e giallo che vi porterà al rifugio Vega de Ario in due ore e mezza di cammino.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...