sabato 3 settembre 2016

Escursione al Santuario di Cunéy di Nus, il più alto d’Europa


Dopo la passeggiata al sito minerario e tra le frazioni di Saint Marcel ed essermi infilata in tasca pezzetti di ferro grezzo, talee di rosa e lamponi, partiamo la mattina seguente per una più tosta scarpinata al Santuario Mariano di Cunéy: a quota 2652 m.slm. è il più alto d’Europa.



Partiamo da Saint-Barthélemy, frazione di Nus e uno dei miei posti del cuore. Per tantissimi anni è stata la prima tappa delle vacanze di Natale: dopo aver aperto casa e scaricato i bagagli, in attesa che la temperatura passasse da polare a vivibile, facevamo tappa nell’ultima frazione del paese sull’altra sponda della Dora, per un piatto di polenta fumante e un ramo di pino da appendere vicino alla finestra con luci e decorazioni… 




Non sono mai andata oltre quel campanile bianco così riconoscibile anche dal lucernaio della nostra mansarda nel fondo valle. Mai fino ad ora. Lasciata la macchina dopo le ultime baite di Praz, appena sopra Saint-Barthélemy, si imbocca il sentiero 11, si supera un tratto in pineta, poi i prati, e mi perdo tra semprevivi (Sempervivum arachnoideum L.), campanule (Campanula rhomboidalis L.), aster (Aster alpinus L.) e quelle piante un po’ piumose che crescono con i piedi nell’acqua gelata dei laghi alpini (Eriophorum scheuchzeri Hope). Superato il colle si può proseguire lungo il sentiero classico oppure scegliere quello attrezzato, più breve ma esposto.



Il rifugio, aperto da fine giugno a fine settembre, organizza diversi eventi, tra questi la Festa della Madonna delle Nevi e il Pellegrinaggio dell’Assunta.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...