domenica 20 novembre 2016

La settimana dell’orto: è cachi mania!


Lunedì #caco #cachi o #kaki? Non me lo ricordo mai, e ho di nuovo cercato. Cachi (o kaki) s. m. [voce di origine giapp.]. – 1. Albero della famiglia ebenacee (lat. scient. Diospyros kaki), alto fino a 8 m, con fiori solitari e frutto costituito da una bacca, grossa come una mela, gialla o rossa, con polpa molle, succosa, dolce se maturo. Originario del Giappone e della Cina settentrionale, è coltivato anche in Europa per i frutti e per ornamento. 2. Il frutto del cachi, detto anche diospero o diospiro; con questo sign., esiste anche la variante pop. caco {Treccani}

Martedì #cachi (o kaki) indica anche la colorazione tra il fulvo e il color sabbia, caratteristica degli abiti coloniali: divisa c.; come s. m., l’abito stesso: un ufficiale in cachi {Treccani}

Mercoledì il #cachi è considerato "l'albero della pace" perché fu proprio un albero di cachi l’unico sopravvissuto al bombardamento atomico di Nagasaki nel 1945. Il botanico Masayuki Ebinuma vide in lui un messaggio di speranza, se ne prese cura, e iniziò a distribuire semi di quell’albero ai bambini che visitavano il museo del bombardamento atomico chiedendo loro di farli crescere perché diventassero simboli di pace. L’idea di Ebinuma si è trasformata nel “Kaki Tree Ptoject” e oggi i figli di quel cachi crescono come monito contro la guerra in tantissime regioni del mondo

Giovedì In Cina, sua terra d’origine, il #cachi è dov’è considerato l’albero delle sette virtù: vive a lungo, dà grande ombra, dà agli uccelli la possibilità di nidificare fra i suoi rami, non è attaccato da parassiti, le sue foglie giallo-rosse in autunno sono decorative fino ai geli, il legno dà un bel fuoco, la caduta dell'abbondante fogliame fornisce ricche sostanze concimanti

Venerdì il primo esemplare di #cachi fu piantato in Italia nel 1871 nel Giardino di Boboli a Firenze, ma occorrerà aspettare il primo dopoguerra per ritrovarlo nei giardini e negli orti degli italiani che in quegli anni iniziano a conoscerne e ad apprezzarne i frutti

Sabato tra tutti i cachi che si incontrano nei dintorni dell’orto-giardino il più famoso è quello dello scienziato Edoardo Perroncito, una chicca “esotica” in un giardino considerato in quell’epoca di campi, di corti e di cascine una rarità per il semplice fatto di essere un giardino

...

La settimana dell’orto: tutte le sere, dal lunedì al sabato, uno scatto racconta cosa succede nell’orto-giardino.

Seguimi su Instagram!

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...