venerdì 5 maggio 2017

Rosa 'Pat Austin'


Ho un debole per le piante spontanee, i fiori selvatici e inattesi, le mente, le salvie, le erbe buone da mangiare. Ma ho altrettanta voglia di fiori grandi, fitti di petali, di colori caldi e giardini generosi e così non ho resistito e dalla scorpacciata vivaistica di Tre giorni per il giardino al Castello di Masino è arrivata lei: Rosa ‘Pat Austin’.

I petali tondi chiusi a coppa ricordano il fiore delle peonie, il colore morbido e ramato le sere d’estate sotto il portico.


La Rosa ‘Pat Austin’ appartiene al gruppo delle rose inglesi, nato negli anni Settanta dall’opera dell’ibridatore David Austin che ha saputo combinare il profumo e la foggia delle rose antiche, la varietà cromatica degli ibridi di Tea e la rifiorenza delle Floribunda.


La Rosa ‘Pat Austin’ dedicata all’ultima moglie di David, è stata creata nel 1995 combinando tutte queste qualità: fiori grandi, romantici e dall’intenso profumo di tè, fioritura prolungata, resistenza alle malattie e facilità di coltivazione. L’arbusto, dal fogliame verde brillante, raggiunge 1,5 metri d’altezza e 1 metro di larghezza.


Foto Ultimissime dall'orto

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...