martedì 5 settembre 2017

Calibrachoa, buon compleanno a me


Buon compleanno a me!!!

Una colorata cassetta di Calibrachoa è arrivata davanti alla porta del nuovo nido!


I giardinieri radical chic talvolta snobbano queste trovate orticole, che invece andrebbero ripensate: sono una delle poche pennellate di colore nell’arsura dell’orto-giardino.

Se le acquisti in queste settimane di caldo torrido, meglio non travasarle, soprattutto in piena terra. Sistemale in un ampio sottovaso, tutte vicine, così da creare un microclima di umidità. Stanno bene al sole, ma per mantenere i colori vivaci, sceglie un’esposizione a est, con sole al mattino e ombra al pomeriggio, o la luce filtrata dalle chiome degli alberi.


Cugine delle petunie (appartengono entrambe alla famiglia delle Solonaceae) e comunemente indicate come mini-petunie o petunie nane, le piante del Genere Calibrachoa hanno corolle più piccole e aggraziate, ma fioriture più generose. Come le petunie, sono originarie del Sud America, in particolare di Brasile, Cile e Perù, mentre una sola delle 28 specie è spontanea di Messico e Stati Uniti.

In natura il colore dominante è blu-porpora con gola più chiara o più scura per attrarre gli insetti impollinatori. Sui mercati la varietà delle tonalità disponibili è il punto di forza di questa pianta individuata dagli ibridatori per la capacità di conservare ogni corolla per almeno cinque giorni e di fiorire per lunghi mesi. Solo nell’ultimo anno sono state selezionate 250 nuove varietà orticole, promessa di infinite sfumature, più rifiorenti e compatte e resistenti a pioggia, vento e siccità.



Unico neo: le Calibrachoa temono il freddo. L'ideale è una temperatura tra i 20° e i 30°C e mai inferiore ai 5°C. Vivono bene al sole e sono resistenti alla malattie. Un po’ di accortezza è necessaria con le irrigazioni. Le Calibrochoa temono i ristagni d’acqua e la siccità. Il terreno dovrà essere fertile e ben drenato e le irrigazioni frequenti (quotidiane nei giorni di grande caldo), possibilmente senza bagnare le foglie. Per sostenere la fioritura è sufficiente diluire nell’acqua di irrigazione un concime per piante fiorite una volta a settimana. Quando i rami tendono a spogliarsi e la fioritura rallenta è utile una potatura di ringiovanimento della pianta che va tagliata a 10 cm dalla basa, quindi innaffiata e concimata.

Foto Ultimissime dall’orto

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...