venerdì 29 settembre 2017

Come realizzare gradini in legno per collegare due livelli del giardino


L’autunno in giardino è anche tempo di progetti e manutenzioni.

La zona più ripida e impervia del giardino è anche una delle più riuscite dal punto di vista botanico. Cinque grosse querce filtrano la luce del sole e lo spesso strato di foglie con cui si ricopre il suolo in autunno restituisce un terreno fertile e leggero.

Ispirati dal paesaggio circostante e abbiamo tappezzato il nostro piccolo sottobosco con Primula vulgaris, Pulmonaria officinalis, Anemone nemorosa e felci che si sono aggiunti a Viola odorata e Fragaria vesca, nate spontaneamente. Alla base dei tronchi abbiamo interrato bulbi di Leucojum vernum e Narcissus e aggiunto qua e là piante da ombra come Hosta, Bergenia, Convallaria majalis (mughetti), Heucera

Più impegnativa, ma necessaria, è stata la realizzazione di una serie di gradini in legno per poterci sposatre nel sottobosco senza troppa fatica e rischio di scivoli.


I primi gradini li abbiamo realizzati con tre paletti di legno: uno tondo, usato come “alzata”, e due appuntiti, conficcati nel terreno per 2/3 a bloccare il primo.


Con gli anni i paletti conficcati nel terreno hanno iniziato a dare segni di cedimento e andavano sostituiti. Per rendere il passaggio più stabile abbiamo cambiato progetto: gradini sempre in legno, ma più larghi, pesanti e robusti, sorretti da due tondini di ferro lunghi 50 cm che affondano nel terreno.


Il risultato è piuttosto stabile e ci accompagnerà senza pericoli a caccia di foglie e fiori per bouquet, frittate e risotti ;)

·la scarpata del bosco prima e dopo·

Foto Ultimissime dall’orto

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...